Temi di Ricerca

1. L’evoluzione delle tecnologie informatiche sempre più rivolte e dedicate alle immagini apre un campo di ricerca fondamentale per le applicazioni sulle arti visive, lo spettacolo e la cinematografia. La comunicazione in rete offre infinite possibilità di intermediazione didattica e scientifica attraverso portali appositamente costruiti nei quali le arti figurative, lo spettacolo e le banche dati sull’argomento aprono inedite prospettive sia per metodologie innovative di ricerca, sia per la comunicazione didattica e la valutazione. Allo stesso modo l’elaborazione delle immagini fisse e in movimento nel panorama della multimedialità permette la creazione di contenitori virtuali (musei, spettacoli teatrali filmici e mostre ) tali da consentire sempre di più la diffusione internazionale delle opere. Se il nostro paese è il centro più importante per lo studio della storia dell’arte, la ricerca tradizionale, condotta con la tradizionale metodologia storica e formale, può con l’apporto delle nuove tecnologie concorrere a un nuovo modello di studio e di diffusione del patrimonio storico-artistico, per non vanificare un primato storico. La sperimentazione sulla robotica e sulle immagini tridimensionali e in movimento apre poi orizzonti di ricerca e di applicazione molto promettenti nel campo degli standard museali e di conservazione, così come l’elaborazione di immagini è fondamentale per l’approfondimento di temi specifici della storia delle arti figurative e applicate nonché per l’utilizzazione di queste nuove tecnologie per il mondo del cinema e dello spettacolo in genere.

2. Le stesse ricerche sui testi storico-artistici, teatrali e filmiche trovano ampio riscontro presso le nuove tecnologie e l’applicazione di queste ultime ha permesso, già in altre realtà istituzionali e di ricerca la creazione di siti e portali e programmi specifici capaci non solo di proporre la ricerca di testi, percorsi museali, scenografie per lo spettacolo immagini, ma di indicizzarli e analizzarli. Future e pregresse attività di ricerca sono pertanto:

a. La collaborazione dei dottorandi al Laboratorio per l’Analisi la Ricerca e la Tutela, le Tecnologie e l’Economia dei Beni Culturali, in particolare con il gruppo diretto dalla prof. Sonia Maffei, Università degli Studi di Bergamo, e del Comitato scientifico del portale LARTTE, docente di questo dottorato.

b. La prosecuzione dell’attività di ricerca svolta su F.o.S.C.A, (Fonti per la Storia della Critica d’arte) portale creato dal Corso di dottorato genovese e relativo alla Letteratura artistica, alla Letteratura di Viaggio, alla Storia della critica d’arte. Il sito di Fo.S.C.A costituisce la prima base di raccordo con il nuova convenzione del dottorato di ricerca con il progetto di lavoro di Città Digitale, in convenzione con l’Assessorato ai Saperi e all’Innovazione del Comune di Genova.